La questione delle telecamere puntate in condominio

La privacy è un diritto fondamentale che deve essere tutelato, anche all’interno di un condominio. La videosorveglianza è uno strumento utile per garantire la sicurezza delle proprietà, ma quando le telecamere sono puntate verso spazi comuni o verso la proprietà altrui, si entra in un territorio delicato che riguarda la privacy e la legalità. Di recente la Suprema Corte con la sentena del 27 marzo 2024 ha spiegato se e quando la telecamera del vicino puntata è stalking.

L’obiettivo è quello che la telcamera deve poter sostituire lo spioncino di casa e inquadrare solo chi si trova in prossimità dell’ingresso dell’abitazione nei pressi dello zerbino.

Condividi:

Articoli Correlati