Sala giochi in Condominio: quando è legale?

L’apertura di una sala giochi can macchine da intrattenimento a gettoni all’interno di un condominio è un tema che solleva spesso discussioni e dubbi tra i condomini. Recentemente la Cassazione si è pronunciata in merito.

La Cassazione con sentenza depositata il 25 gennaio 2024 ha invalidato la delibera approvata a maggioranza con cui si è impedito alla locataria di un magazzino di trasformarlo in sala giochi. Vietare la sala giochi in condominio richieda l’unanimità o un regolamento contrattuale.

Affinché un limite all’uso dei locali sia effettivo è necessario che possa essere opposto a tutti, perciò anche a coloro che acquisteranno l’immobile in un momento successivo. Si discorre di opponibilità del vincolo all’avente causa che può essere un acquirente, donatario, erede. Affinché la clausola limitativa dei diritti dei condòmini e anche dei locatari, sulle unità sia opponibile ai terzi è necessario che, oltre ad essere racchiusa in un regolamento approvato all’unanimità, sia annotata nei pubblici registri immobiliari o la stessa (o il regolamento) allegati al rogito con cui si aliena il bene. In tal modo tutti i terzi sono posti nella condizione di conoscere il limite.

Condividi:

Articoli Correlati